Caso clinico: Ehrlichiosi (Ehrlichia canis)

Segnalamento: Sonny, incrocio, 3 anni, maschiosonny 008

Anamnesi: anoressia totale da tre giorni, intolleranza all’esercizio, perdita di peso cronica; proviene dalla Romania

Visita clinica: mucose pallide

Diagnostica per immagini:

  • Radiografie torace ed addome in due proiezioni ortogonali: nella norma
  • Ecografia addominale: nella norma

Esami di laboratorio:

  • Profilo biochimico completo:
    • Ipergammaglobulinemia (policlonale)
    • Alzamento dei valori dell’ALT e dell’ALP
  • Profilo ematologico completo:
    • Marcata anemia macrocitica ipovolemica rigenerativa
    • Trombocitopenia con anisocitosi dei trombociti
    • Neutrofilia con spostamento a sinistra, segni di tossicità
  • Esame sierologico patologie infettive
    • Positivo all’Ehrlichia canis ed all’Anaplasma phagozytophilus

Diagnosi: marcata anemia dovuta ad Ehrlichiosi caninaSchermata 2015-10-07 alle 21.39.43

Terapia: dossiciclina 10 mg/kg po sid, prednisolone 2 mg/kg/q24h con dosaggio a scalare. Dopo una settimana di ospedalizzazione e diversi controlli ematologici, l’ematocrito è cominciato a salire e Sonny è stato dimesso con un valore dell’ematocrito del 20% (inizialmente 10%). Anche i controlli successivi hanno mostrato un’ottima risposta alla terapia. Al momento Sonny non riceve più alcun medicamento.

Commento: questa patologia batterica è trasmessa da una zecca (Rhipicephalus sanguineus), presente in gran parte del continente europeo. La prevenzione viene attuata attraverso l’applicazione di fipronil o imidacloprid/permethrin una volta al mese e la rimozione delle zecche. Bisogna inoltre evitare le zone endemiche od evtl. effettuare una profilassi con dossiciclina quando ci si reca in queste zone. Attenzione alle trasfusioni che potrebbero trasmettere il batterio.

Alcune informazioni riguardanti l’anamnesi e la visita clinica. Anamnesi: spesso questi pazienti vengono presentati con sintomi di inappetenza, perdita di peso, letargia. Alla visita clinica si riscontrano organomegalia alla palpazione addominale (splenomgealia ed epatomegalia), linfadenomegalia. Febbre, disidratazione, edema periferico, scolo oculare e nasale sono altri sintomi comuni. Nella fase acuta o cronica il paziente può mostrare sanguinamenti profusi (dovuti a trombocitopenia disfunzione delle piastrine).

Schermata 2015-10-07 alle 21.45.40

Considerazioni riguardanti la salute pubblica: è stato dimostrato che l’ehrlichiosi umana in Venezuela è provocata da una variante od una subspecie dell’Ehrlichia canis. Per questo motivo, in questa parte del mondo, si pensa che i cani possano servire da vettori. In nessun’altra parte del mondo è stato dimostrato un collegamento del genere.

Curiosità: tre piccole curiosità riguardanti questo batterio; l’ipergammaglobulinemia può essere monoclonale (normalmente questo valore di laboratorio si presenta solo in concomitanza di alcune patologie tumorali). La presenza di Ehrlichiosi può portare a reattività crociata: per questo motivo spesso anche l’esame sierologico riguardante l’Anaplasma risulta essere positivo. In uno studio con 90 cani affetti da ehrlichiosi, l’unico sintomi clinico presente era a livello oculare, con il 75% dei pazienti presentati con uvette bilaterale come unico sintomo.

Galeandro Luca, Dr. med. vet, DACVIM (SAIM), specialista in medicina interna; Galeandro Miriam, Dr.ssa med. vet, DACVIM (SAIM), specialista in medicina interna

Letteratura:

Komnenou AA et al.: Ocular manifestations of natural canine monocytic ehrlichiosis (E. canis): a retrospectiv study of 90 cases. Vet Ophthalmol 2007 Vol 10 (3).


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *